Max Leopold Wagner

49,00

Fotografie della Sardegna di un linguista antropologo

Questa esposizione individua quattro temi narrativi all’interno di un più vasto corpus documentale: “La donna sarda” e il lavoro “L’uomo sardo e il lavoro. Vita quotidiana in Sardegna”, “Villaggi e città della Sardegna”. Vi sono presentate oltre 80 fotografie raffiguranti la vita in alcune località nelle quali il linguista antropologo si è maggiormente soffermato; da lui definite come “punti”, le più emblematiche e rappresentative del mondo agro-pastorale sardo. Le immagini sottolineano il suo modo totale di accostarsi alle comunità, compiutosi assecondando dapprima istintivamente una personale inclinazione poi diventata metodo scientifico («un occhio ai libri, due alla vita», J.W. Goethe): immergersi il più a lungo possibile nel sociale più primitivo, fra la gente che non avesse «un certo grado d’istruzione», intercettando nel linguaggio la «struttura sintattica della frase», sentendo con essa il pensiero, arrivando quindi in profondità ai caratteri coi quali entrava in contatto. Dunque non volle essere mero compilatore di «una lista di parole» ma conoscitore dall’interno della cultura che andava esaminando. Spostandosi a cavallo o in bicicletta – soggiornò praticamente sull’intero territorio regionale in ripetuti viaggi dal 1905 al 1927 -, Wagner ebbe a ribaltare tanti luoghi comuni intorno ai sardi, comprendendo e descrivendo gli isolani con tale acutezza (padroneggiava il dialetto cagliaritano ma anche gli altri, e si rivolgeva alle persone nel loro stesso linguaggio) da sentirsene parte.

Disponibile

Categoria:

Descrizione

Autore: Felice Tiragallo – Salvatore Novellu
Casa Editrice: Ilisso
Isbn: 8862023634

Informazioni aggiuntive

Peso 2.4 kg
Dimensioni 30 × 33 × 2 cm